Laboratorio

CARATTERIZZIAMO IL TUO PROCESSO !

laboratorio analisi chimico fisiche impianto biogas

Disponiamo di un laboratorio di prima analisi e ci avvaliamo esclusivamente della competenza di laboratori ufficialmente riconosciuti da organismi internazionali, dotati di strumentazione all’avanguardia e personale altamente qualificato.
La nostra offerta analitica comprende una vasta gamma di analisi chimiche, chimico-fisiche e microbiologiche che ricoprono tutta la filiera di produzione del biogas a partire dalla valutazione qualitativa e quantitativa della biomassa energetica, il monitoraggio del processo di digestione anaerobica e la caratterizzazione del digestato.
Il nostro personale, grazie ad una profonda conoscenza della nutrizione e del metabolismo microbico, ti guida e supporta nella gestione dell’aspetto biologico del tuo impianto, attraverso la proposta di un pannello analitico personalizzato, un’attenta interpretazione dei dati di laboratorio e l’individuazione precoce di eventuali situazioni critiche che potrebbero portarti ad un decremento nell’efficienza produttiva dell’impianto.
Volendo rimanere sempre al passo coi tempi ed attenti alle nuove richieste degli enti di controllo, proponiamo anche analisi come idrocarburi, diossine e PCB.

→scarica la lista delle nostra principali analisi

↓ Prove di biometanazione

La qualità e la quantità del biogas prodotto dai microrganismi anaerobi è direttamente correlata alle caratteristiche chimico-fisiche della biomassa utilizzata.
La caratterizzazione della matrice organica si basa su un numero relativamente limitato di misure che mirano a determinare le proprietà macroscopiche della biomassa. La caratterizzazione ci permette un’analisi preventiva delle eventuali problematiche legate all’utilizzo di una biomassa e ad una determinazione del valore economico della matrice.
I principali test per raggiungere questo scopo sono due: il cartellino standard e il test di biometanazione.
Il cartellino standard si basa sull'analisi della composizione chimica del substrato, stimandone la resa. Questa prova, veloce ed economica, garantisce risultati di massima, fondamentali per la previsione del bilancio energetico.
Di contro, il testbiometanazione simula la digestione anaerobica su scala ridotta, garantendo risultati precisi circa la produzione di biogas, biometano e fornendo il grafico relativo alla cinetica di degradazione.


→ scarica un test di biometanazione
↓ Monitoraggio delle biomasse in digestione

La digestione anaerobica in un impianto di biogas è un processo microbiologicamente molto delicato.
Una biologia stabile, monitorata strettamente tramite il controllo di alcuni parametri chimici, è garanzia di rese elevate di biogas e quindi di una maggiore efficienza dal punto di vista economico.
Situazioni di crisi dovute alla presenza di composti tossici, metalli pesanti, schiume da tensioattivi e antibiotici sono frequenti.
Queste vanno affrontate tempestivamente con l’ausilio di test di laboratorio specifici.

↓ Caratterizzazione del Digestato

Il digestato, residuo della digestione anaerobica delle biomasse, assume uno status di fertilizzante naturale e come tale va caratterizzato nel rispetto della normativa vigente attraverso un attento esame delle sue caratteristiche chimiche e biologiche.
Una completa caratterizzazione del digestato deve considerare i seguenti aspetti:

  • proprietà ammendante e fertilizzante;
  • aspetti igienico-sanitari;
  • aspetti di protezione dell’ambiente;
  • impatto odorigeno;
  • compatibilità con terreni sensibili

Alcune delle analisi che più comunemente effettuiamo sono: azoto totale, azoto ammoniacale, titolo NPK, sostanza secca, TOC, COD, SV, pH, metalli pesanti, meso ed oligo-elementi, stabilità biologica (OD20), microrganismi indicatori, saggio di fitotossicità, etc.

↓ Analisi Microbiologiche ed eco-tossicologiche

La determinazione dei parametri microbiologici è necessaria ogni qualvolta si abbia la necessità di fare sul digestato una valutazione dei rischi igienico-sanitari derivanti dalla contaminazione microbica di patogeni, quali ad esempio Salmonella spp, Escherichia coli e coliformi totali.
Oltre ai test classici di microbiologia, siamo in grado di effettuare la ricerca di tossine micotiche, presenza di antibiotici in matrici organiche, test di tossicità acuta e di fitotossicità.

↓ I batteri in fotografia

Attraverso un avanzato test al microscopio ottico, sfruttando la metodologia con fluorescenza, è infatti possibile analizzare i batteri sia acetogeni che metanogeni e la loro attività all’interno del fermentatore. Questa analisi permette di prevenire criticità digestive anche gravi tempestivamente, evitando così pericolosi cali produttivi. Questo test non ha solo funzione preventiva ma è anche, e soprattutto, uno strumento di miglioramento del processo digestivo. Abbinando questa metodologia alla nostra esperta consulenza biologica saremo in grado di consigliare l’eventuale dosaggio di specifici integratori, variazioni alla dieta o modifiche gestionali. Tale analisi è applicabile inoltre alle matrici utilizzate in alimentazione, in particolare a liquami, nei quali è più frequente la presenza di sostanze inibitrici della flora batterica (disinfettanti o detergenti), eventualità estremamente dannosa per il processo digestivo. La valutazione dell’attività dei microrganismi metanogeni consente, infatti, di stimare l’effetto delle sostanze tossiche all’interno del liquame, evitando al gestore l’immissione erronea di tale substrato. Sfoglia il report campione nel dettaglio e scoprine le ampie potenzialità a prezzi interessanti.

Biologicalcare